omelia della domenica

Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  peanut il Mar Mar 05, 2013 9:45 am

Penso che tutte le parti di noi, corpo, mente e spirito, necessitino di attenzioni e cure nello stesso modo.

Nel mio lavoro a volte mi chiedo come sia possibile che pazienti iterino sempre gli stessi atteggiamenti, compiano le stesse azioni e si mettano nelle stesse posture nonostante siano fisicamente dannosi. Più di qualche volta risolviamo i problemi solo con una corretta igiene posturale o con piccoli accorgimenti. Nn siamo abituati ad ascoltare il nostro corpo e nn sapiamo come si fa.
Nelle palestre ci sono corsi di ginnastica spacciati per dare benessere fisico che sono estremamente dannosi, finchè sei giovane e perfettamente sano tutto va bene e poi passi da noi perchè nn capisci come sia possibile che ti sia venuto mal di schiena o il tuo quadricipite si sia staccato dall'osso, "ma pensa che io sono bravo, faccio vita sana, cammino 14 Km al giorno come mai si è staccato il muscolo?" (a 70 anni).
Molti bambini fanno sport a livello agonistico, il modo migliore per candidarli a fisioterapia da adulti per il resto della loro vita. I preratori atletici dei bambini nn hanno quasi mai (anzi mai per mia esperienza) le competenze.
Una mia cara amica è medico in medicina interna. L'altro giorno mi ha confidato quante encefalopatie ha visto da malnutrizione (x diete fai da te), tante che sta preparando un articolo. La stessa mi ha detto di due casi di amnesia anterogada (queste nn si ricordano niente, 28 anni e devono vivere di post it per tutta la vita) dovuti a vomito eccessivo in gravidanza. Bastava portarle al pronto soccorso e nn farle vomitare così tanto.

Ecco perchè cerco qualcuno che dedichi la sua vita a Dio, alla ricerca e alla conoscenza di Dio nella sua più alta manifestazione. Qualcuno che viva per questo, qualcuno che riconosca le mie posture sbagliate, i miei errori di alimentazione, che mi insegni ad ascoltarmi e a riconoscere le disfunzioni del mio spirito, cerco e nn smetterò mai.

avatar
peanut

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 47
Località : veneto

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  cinzia il Lun Mar 04, 2013 2:22 pm

anche a me piace questa idea.

Pero` e` vero anche quanto dice Peanut: non e` affatto facile, occorre una crescita verso la maturita`, come dire, che sopravanzi la perdita. il mio parroco, sempre lui, quanlche domenica fa ha citato Obama, che nel suo discorso di insediamento ha parlato della situazione sociale attuale in termini di 'resilienza'. cosi anche nella vita spirituale.

Tuttavia io rimango radicatamente cristiana, perche` nella pasqua e nella risurrezione trovo a piene mani tutta la ricchezza, la sostanza necessarie per una piena riabilitazione dell'umano. di me, di te, di tutti e di tutto.
avatar
cinzia

Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 10.01.10
Età : 47
Località : milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  anita il Dom Mar 03, 2013 2:56 pm

SHANTI ha scritto:Posto questa frase che mi ha colpito moltissimo:

"La religione non può sopportare la Spiritualità. Non la può proprio tollerare. La Spiritualità potrebbe portarvi a una conclusione diversa da quella di una particolare religione. E questo non è tollerabile. La religione vi sprona a esplorare i pensieri degli altri e ad accettarli come se fossero i vostri. La Spiritualità vi invita ad abbandonare i pensieri degli altri e a trovare i vostri."

Neale Donald Walsh


Mi trova molto d'accordo Smile
avatar
anita

Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 20.01.10
Età : 46
Località : bergamo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

re

Messaggio  SHANTI il Ven Mar 01, 2013 9:37 pm

Posto questa frase che mi ha colpito moltissimo:

"La religione non può sopportare la Spiritualità. Non la può proprio tollerare. La Spiritualità potrebbe portarvi a una conclusione diversa da quella di una particolare religione. E questo non è tollerabile. La religione vi sprona a esplorare i pensieri degli altri e ad accettarli come se fossero i vostri. La Spiritualità vi invita ad abbandonare i pensieri degli altri e a trovare i vostri."

Neale Donald Walsh

[img][/img]
avatar
SHANTI

Messaggi : 878
Data d'iscrizione : 01.03.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

re

Messaggio  SHANTI il Ven Mar 01, 2013 8:15 am

peanut ha scritto:beh vediamo... è la stessa cosa che camminare in montagna con o senza una guida. Tutto è più facile, meno pericoloso e più rilassante se hai con te una persona che ha già camminato sulla stessa strada o che magari da lontano tiene una lucetta accesa quando cammini di notte così nn ti perdi. In tutte le grandi religioni la figura della guida è fondamentale e le nostre guide dovrebbero essere formate all'interno della chiesa, questo è il compito principale portarci a Dio. Se ciò nn avviene ci sentiamo un po' perdute, è normale, se hai provato una buona guida la fatica che provi quando ti manca è notevole.
E' frustrante ci vengano tolte le guide, ma è il periodo, siamo come agnelli in mezzo ai lupi è stato predetto, i pastori nn ci sono più e i ladri entrano dalle finestre... forse è il momento che torniamo a Dio direttamente, attraverso la luce dello Spirito Santo e attraverso Gesù. Che lo vogliamo o no adesso siamo soli a camminare... ma nn ci fermiamo Very Happy

E' vero Peanut! Ma è estremamente coinvolgente non delegare ad una guida esterna e con i suoi limiti e scoprire invece da soli la meraviglia di Dio. E' esaltante camminare da soli in un bosco e sentire la sua presenza che nessun altro ti potrà far sentire. E' un rapporto senza intermediari, un rapporto diretto tra noi e Lui. Sentire il suo soffio al nostro fianco, sentire nel silenzio la sua presenza vale molto più che ascoltare parole da qualcuno che ti spiega come dovresti fare. E' un'esperienza bellissima, cominciamo a farlo chiamandolo, parlandoci, raccontando a Lui le nostre perplessità, i nostri dubbi, le nostre paure e restiamo in silenzio per sentire le sue risposte...... che puntualissime arrivano con un fiore che incontriamo sul nostro cammino, con un raggio di sole che ci sfiora, con una gioia che piano piano sale dal nostro cuore e pervade tutto il nostro essere!

Provare per credere Very Happy sunny sunny sunny
avatar
SHANTI

Messaggi : 878
Data d'iscrizione : 01.03.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  peanut il Ven Mar 01, 2013 1:01 am

beh vediamo... è la stessa cosa che camminare in montagna con o senza una guida. Tutto è più facile, meno pericoloso e più rilassante se hai con te una persona che ha già camminato sulla stessa strada o che magari da lontano tiene una lucetta accesa quando cammini di notte così nn ti perdi. In tutte le grandi religioni la figura della guida è fondamentale e le nostre guide dovrebbero essere formate all'interno della chiesa, questo è il compito principale portarci a Dio. Se ciò nn avviene ci sentiamo un po' perdute, è normale, se hai provato una buona guida la fatica che provi quando ti manca è notevole.
E' frustrante ci vengano tolte le guide, ma è il periodo, siamo come agnelli in mezzo ai lupi è stato predetto, i pastori nn ci sono più e i ladri entrano dalle finestre... forse è il momento che torniamo a Dio direttamente, attraverso la luce dello Spirito Santo e attraverso Gesù. Che lo vogliamo o no adesso siamo soli a camminare... ma nn ci fermiamo Very Happy
avatar
peanut

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 47
Località : veneto

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  SHANTI il Gio Feb 28, 2013 11:22 pm

cinzia ha scritto:shanti cara son d'accordo, ma rimane il fatto che noi imperdonabili originarie cattoliche vogliamo bene alla chiesa che e` come la nostra famiglia di origine, e averne scoperto le magagne e le falsita` da una parte ci libera ma dall'altra ci fa male e ci fa essere arrabbiate.

perche` avevamo fiducia nella sua mediazione e ora, anche se di questa mediazione non ci frega piu` molto, ci sentiamo tradite su un punto di estrema intimita`.

ecco per l'appunto, non sentiamoci tradite, ma invece portiamo una testimonianza di vita gioiosa, piena d'amore e di cammino nel Cristo! e forse anche loro possono imparare qualcosa. Insomma usiamo il nostro essere figli di Dio. La rabbia non porta a nulla specialmente se non costruttiva..... sunny sunny sunny Insomma come ci vorrebbe Dio? Arrabbiate e ripiegate su noi stesse o invece gioiose e radiose?
avatar
SHANTI

Messaggi : 878
Data d'iscrizione : 01.03.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  cinzia il Gio Feb 28, 2013 1:26 pm

shanti cara son d'accordo, ma rimane il fatto che noi imperdonabili originarie cattoliche vogliamo bene alla chiesa che e` come la nostra famiglia di origine, e averne scoperto le magagne e le falsita` da una parte ci libera ma dall'altra ci fa male e ci fa essere arrabbiate.

perche` avevamo fiducia nella sua mediazione e ora, anche se di questa mediazione non ci frega piu` molto, ci sentiamo tradite su un punto di estrema intimita`.
avatar
cinzia

Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 10.01.10
Età : 47
Località : milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

re

Messaggio  SHANTI il Gio Feb 28, 2013 8:04 am

anita ha scritto:

Perché non ci raccontano semplicemente le cose meravigliose che Dio ha compiuto,... perché dobbiamo sempre "fare" qualcosa. Ci presentano sempre un Dio/Gesù che ci dà un gran da fare (così sì, così no), un maestro sempre pronto a verificare i nostri apprendimenti nei comportamenti acquisiti del buon cristiano
Ma un Dio che ti sorprende, che ama, perdona, accoglie, vive e muore e di nuovo VIVE... e sempre gratis... questo no eh?!
Un Dio che non ti chiede niente in cambio, che non vuole darti una lezione, ma solo amarti, incondizionatamente, ostinatamente, sempre!

...




ma Dio è tutto questo, perchè non impariamo a sentirlo e ci ostiniamo invece a pretendere che gli altri ci dicano quello che sappiamo già in cuor nostro?
Abbiamo veramente bisogno dell'approvazione di qualcuno?
Abbiamo veramente la necessità di delegare ad altri il nostro sentire?
Abbiamo veramente la necessità che qualcuno ci indichi come ci dobbiamo comportare?
Non siamo in grado di vivere appieno ed in libertà la meravigliosa creazione divina a partire dalla meraviglia di quello che circonda e di quello che siamo?
Allora una sfida per noi stessi è quello di provare a crescere ed aprire le nostre menti ed i nostri cuori. sunny sunny sunny
avatar
SHANTI

Messaggi : 878
Data d'iscrizione : 01.03.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  peanut il Gio Feb 28, 2013 1:08 am

anita ha scritto:
ma perché tutte le volte che ci spiegano la Parola di Dio insistono sempre su ciò che dobbiamo fare, come ci dobbiamo comportare, cosa abbiamo imparato, cosa significa per la mia vita, etc etc...
Perché non ci raccontano semplicemente le cose meravigliose che Dio ha compiuto,... perché dobbiamo sempre "fare" qualcosa. Ci presentano sempre un Dio/Gesù che ci dà un gran da fare (così sì, così no), un maestro sempre pronto a verificare i nostri apprendimenti nei comportamenti acquisiti del buon cristiano
Ma un Dio che ti sorprende, che ama, perdona, accoglie, vive e muore e di nuovo VIVE... e sempre gratis... questo no eh?!
Un Dio che non ti chiede niente in cambio, che non vuole darti una lezione, ma solo amarti, incondizionatamente, ostinatamente, sempre!
...


eh sì certo e poi sia mai che diventi una donna libera... senza paure... e chi ti controlla poi? eh? chi ti controlla?
avatar
peanut

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 47
Località : veneto

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

re

Messaggio  SHANTI il Dom Feb 24, 2013 10:31 pm

Bel pensiero Anita! sunny

Io Dio lo vedo ogni giorno nelle sue meraviglie, e anche in me lo vedo..... ad ogni respiro che faccio, ad ogni passo che compio, in ogni battito del mio cuore e mi sorprende quanto sia sottovalutata la perfezione dei nostri corpi che sono sue creazioni! Ho imparato a percepirlo così, senza sentirmelo dire perchè in genere non te lo dicono questo. Ma noi siamo sue creazioni e se ci ascoltiamo un secondo vediamo quanto amore ed armonia ci avvolge!
Grazie Anita I love you
avatar
SHANTI

Messaggi : 878
Data d'iscrizione : 01.03.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

omelia della domenica

Messaggio  anita il Dom Feb 24, 2013 8:13 pm

Oggi sono stata a messa e ho ascoltato il vangelo della Trasfigurazione, poi la predica del don, che ovviamente dopo aver speso due parole sull'evento della trasfigurazione ha dirottato il suo intervento sull'imparare da Gesù, che è sceso dal monte e che è andato a predicare e allora "cosa dobbiamo fare noi?", bla bla bla
E allora la mia mente è partita e si è fatta da sola la sua "omelia"...
ma perché tutte le volte che ci spiegano la Parola di Dio insistono sempre su ciò che dobbiamo fare, come ci dobbiamo comportare, cosa abbiamo imparato, cosa significa per la mia vita, etc etc...
Perché non ci raccontano semplicemente le cose meravigliose che Dio ha compiuto, perché non ci aiutano ad incantarci davanti ad un evento come la trasfigurazione, così come è successo a Pietro e Giovanni, perché dobbiamo sempre "fare" qualcosa. Ci presentano sempre un Dio/Gesù che ci dà un gran da fare (così sì, così no), un maestro sempre pronto a verificare i nostri apprendimenti nei comportamenti acquisiti del buon cristiano (e qui, scusate, è la maestra che è in me che parla).
Ma un Dio che ti sorprende, che ama, perdona, accoglie, vive e muore e di nuovo VIVE... e sempre gratis... questo no eh?!
Un Dio che non ti chiede niente in cambio, che non vuole darti una lezione, ma solo amarti, incondizionatamente, ostinatamente, sempre!
Che almeno Dio mi dia consolazione, riparo, pace e non mi chieda niente... almeno Lui.
Poi lo sappiamo che a chi ti dà così non possiamo non restituire, ma quello viene da sé.
avatar
anita

Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 20.01.10
Età : 46
Località : bergamo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: omelia della domenica

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum