Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  freedom il Mer Nov 10, 2010 1:00 pm

piccolaluce ha scritto:...E TRE! ANCHE IO VOGLIO IL TUO CONTATTO FB!!!!!!!!!!!!!

Very Happy te lo mando!
avatar
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  piccolaluce il Mer Nov 10, 2010 12:39 am

...E TRE! ANCHE IO VOGLIO IL TUO CONTATTO FB!!!!!!!!!!!!!
avatar
piccolaluce

Messaggi : 697
Data d'iscrizione : 03.04.10
Età : 36
Località : sicilia

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  freedom il Mar Nov 09, 2010 11:36 pm

Questo è vero. Penso che in generale la peggiore omofobia sia quella che gay e lesbiche hanno nei confronti di se stessi/e, la paura di fare sempre la "mossa sbagliata" che può attirare l'attenzione. Io stessa cado ancora in questa tentazione, anche per cose banali.. per esempio, solo pochi giorni fa ho chiesto amicizia su Facebook ai profili di Gionata e Lo Sguardo di Noemi.. come se "qualcuno" dovesse avere il radar per passare in rassegna tutti i miei amici e interpretare di conseguenza. Razz

Se volete darmi della scema fatelo al mio tre: uno, due...................... Mad

ROBY80 ha scritto:scusa cara non volevo essere indelicata Smile volevo solo dire che anche se non possiamo manifestare sempre apertamente il nostro orientamento però almeno possiamo far si di sentirci libere tutti i giorni e non un solo giorno all'anno.
Smile
avatar
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  ROBY80 il Mar Nov 09, 2010 7:06 pm

freedom ha scritto:Perché molte persone hanno genitori, mogli, mariti, figli, fratelli, colleghi ecc a cui non possono rivelarsi per quello che sono. Sarebbe bello un mondo in cui l'orientamento sessuale scatena un bel chissenefrega come il colore degli occhi o dei capelli (questo almeno è il mondo che vorrei io) ma purtroppo non è così.. Sad
scusa cara non volevo essere indelicata Smile volevo solo dire che anche se non possiamo manifestare sempre apertamente il nostro orientamento però almeno possiamo far si di sentirci libere tutti i giorni e non un solo giorno all'anno.
Smile
avatar
ROBY80

Messaggi : 197
Data d'iscrizione : 23.05.10
Età : 37
Località : milano

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  mari il Lun Nov 08, 2010 10:56 pm

Sottoscrivo quello che ha scritto Freedom... i motivi sono soprattutto famiglia e lavoro... sarebbe bello vivere in una società in cui l'orientamento sessuale non è motivo di giudizio ma purtroppo, inutile nascondersi dietro ad un dito, non è così.
Lavoro in un ambiente piuttosto grande e direi pure eterogeneo ma i commenti, i doppi sensi e così via continuano ad esistere e possono rendere la vita difficile.

mari

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 14.07.10
Età : 52
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  freedom il Lun Nov 08, 2010 6:55 pm

Perché molte persone hanno genitori, mogli, mariti, figli, fratelli, colleghi ecc a cui non possono rivelarsi per quello che sono. Sarebbe bello un mondo in cui l'orientamento sessuale scatena un bel chissenefrega come il colore degli occhi o dei capelli (questo almeno è il mondo che vorrei io) ma purtroppo non è così.. Sad
avatar
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  ROBY80 il Lun Nov 08, 2010 6:52 pm

pero perchè bisogna nascondersi 364 giorni all'anno? in quel senso il pride è tutti i giorni Smile e non c'è bisogno di arrivare alle "piume" per esprimersi.

avatar
ROBY80

Messaggi : 197
Data d'iscrizione : 23.05.10
Età : 37
Località : milano

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  freedom il Dom Nov 07, 2010 10:59 am

Sono stata solo al Pride di Genova, forse era l'entusiasmo di essere "nuova" in questa vita (avevo scoperto la mia identità solo da pochi mesi), ma a me ha colpito in ogni suo aspetto, da quello più carnevalesco alla presenza di molte famiglie con bambini. Anche io ho trovato eccessivi certi aspetti, ma credo sia una giornata in cui tutti coloro che devono nascondersi per 364 giorni l'anno possano dare sfogo a tutto ciò che sentono dentro, e quindi lo giustifico in questo senso.

ROBY80 ha scritto:tutte frasi omofobe ma in parte condivido quelle sul pride . Sono stata a qualche pride...(pure a quello di bari) , ma pur troppo la parte esibizionista copre la parte bella del pride , quella del desiderio di visibilità ,di non discriminazione, quella che chiede VERI diritti per noi.
avatar
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  ROBY80 il Sab Nov 06, 2010 6:44 pm

imma ha scritto:Per restare in argomento, questo è il pensiero degli altri politici italiani sul tema....
Vi posto il link
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

tutte frasi omofobe ma in parte condivido quelle sul pride . Sono stata a qualche pride...(pure a quello di bari) , ma pur troppo la parte esibizionista copre la parte bella del pride , quella del desiderio di visibilità ,di non discriminazione, quella che chiede VERI diritti per noi.
Il discorso di vendola l'ho molto apprezzato perchè è stato capace di mettere i puntini sulle I senza alimentare polemica ma sottolineando che in italia non abbiamo bisogno di essere governati da soggetti che più che malcostume, mafia, e battute di bassa lega da bar non sanno portare, più che occuparsi di fare seriamente politica.
Sicurmante nel mondo accadono cose tremende (non solo per i cristiani) ma accadono cose tremende anche nel MIO/NOSTRO paese. Sicuramente la mia preghiera va a tutte le persone di razza,orienamento religioso e affettivo, politico che stanno soffrendo, però il MIO/NOSTRO paese sta attraversando un momento politico veramente drammatico e le dichiarazioni (mi scusino quelle del pdl) di uno pseudo presidente come berlusconi sono solo la punta di un'iceberg marcio nelle fondamenta.

avatar
ROBY80

Messaggi : 197
Data d'iscrizione : 23.05.10
Età : 37
Località : milano

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  Ospite il Ven Nov 05, 2010 8:56 pm

Infatti di solito non scelgo,mi scelgono! Very Happy Wink

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  freedom il Ven Nov 05, 2010 8:47 pm

Sei più fortunata di Berlusconi: ti piacciono le belle donne e sei pure gay! Non devi neppure scegliere! Laughing
avatar
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  Ospite il Ven Nov 05, 2010 6:27 pm

Poichè anche io sono appassionata di belle donne, devo considerarmi una berlusconiana? Rolling Eyes

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  mari il Mer Nov 03, 2010 11:48 pm

Cara Linda, non penso che il problema sia rubare spazio... è che, secondo me, i due argomenti sono distinti e sarebbe stato forse meglio, vista anche l'importanza del messaggio che tu proponi, pubblicarlo come argomento proprio.
Il link che fa pubblicato freedom, e che io condivido, pone l'attenzione sul fatto che non un personaggio qualunque ma il nostro e quindi, ahimè, anche mio, presidente del consiglio non fa altro che offendere i cittadini che dovrebbe rappresentare in quanto gay, in quanto donne, etc. in poche parole in quanto persone.
Il suo comportamento ci offende perchè lede la nostra dignità e quindi trovo più che giusto manifestare il nostro dissenso, dire che noi non la pensiamo in come lui. Vendola peraltro l'ha fatto in modo diretto ma molto pacato, cosa non comune di questi tempi.
Quanto al rapporto con l'islam o altre religioni crdo che il cristianesimo sia soprattutto condivisione e accoglienza... non mi risulta che Gesù ci abbia detto di doverne avere qualcosa in cambio. Ben venga quindi la piazza del duomo per la preghiera se questa può servire per migliore l'integrazione tra culture

mari

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 14.07.10
Età : 52
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  freedom il Mer Nov 03, 2010 4:58 pm

Linda non hai rubato spazio, ogni fatto che ci sconvolge gli animi merita di essere citato. A me ha sconvolto che l'uomo che dovrebbe rappresentarci - a prescindere dal condividere o meno le sue idee poiltiche e la sua personalità - scada da troppo tempo in battute da bar sulle donne e sull'omosessualità. Mi sono sentita indignata come donna, come lesbica e come cittadina italiana.

Vendola non è affatto il leader della sinistra moderata cattolica. Tutto si può dire di lui tranne che "moderato", almeno a livello politico. Ne stimo i toni e la cultura, il fatto che parli di cose concrete rispetto alla vacuità dei leader del Pd, partito in cui non mi riconosco perché non rappresenta una sinistra "reale" e non è in grado di fare opposizione (come ha detto ieri sera Mario Calabresi - direttore de "La Stampa" - a Serena Dandini a "Parla con me", il fatto che l'opposizione si appelli a Fini per far cadere il governo la dice lunga sull'opposizione).

Detto questo, trovo che i massacri e gli omicidi - individuali o "di massa" - siano sempre e comunque un crimine e un abominio, a prescindere che le vittime siano cristiane, musulmane, ebree e così via. Amiamo tutti lo stesso Dio, anche se lo chiamiamo in modi diversi e lo preghiamo in modi diversi. Dio è uno, il modo in cui crediamo in lui dipende dalla nostra formazione, dal luogo in cui siamo cresciute e dal contesto in cui siamo state educate e dalle persone che abbiamo incontrato. Se fossi nata in Iran invece che a Genova, porterei il chador, farei il mio ramadan e direi con convinzione che Gesù è stato niente più che un grande profeta.

Non ho visto il film, avrei dovuto domenica scorsa ma preferivo alleggerire la testa..
avatar
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  Eirene il Mer Nov 03, 2010 4:22 pm

Cara L. e care anche le altre Wink,
devo ammettere di aver avuto un leggerissimo moto di rabbia nel leggere le prime righe di questo tuo intervento. Poi è passata, son giovane, quindi, perdona la mia impulsività.
Io non vedo conflittualità tra il discorso di Vendola e la tragedia delle 50 vittime di Baghdad (perchè son morti anche poliziotti e attentatori, non solo cristiani), sono due notizie una che non c'entra nulla ma nulla con l'altra.

Di Vendola ho apprezzato la pacatezza dei toni (cosa non osservata da molti anche da chi sta secondo me dalla parte della ragione) e il "puntare su problemi più importanti di una battuta maleducata sparata per fare ''schiumazza'' mediatica: disoccupazione, disorientamento, mancanza di un piano sociale ed economico. Chiusa parentesi Vendola, che non si sta erigendo a leader cattolico ma politico, poi che sia cristiano e lo professi, fregandosene degli insulti e dei pregiudizi che gli arrivano dai due estremi politici, è un'altra storia.

I cristiani di Medio Oriente, ora. C'è stato il Sinodo ad Ottobre in Vaticano e invito tutte a leggere alcuni estratti, importanti per capire la situazione. Io ho avuto la grazia di leggere e commentare i "lineamenta" del Sinodo con una comunità religiosa di quei paesi e ho sentito la vicinanza, la fraternità con questa realtà.
Nella mia esperienza ho avuto anche la grazia di vivere l'eucarestia con loro. Anche se faticavo a seguire la Parola in arabo, non c'è stato un momento che fosse uno in cui non mi hanno fatto sentire a casa, accolta.
E abbiamo pregato anche in momenti difficili. Una volta mi hanno pure messo decisamente nei guai con i militari per la loro estemporanea follia. Quando ho sentito della strage in chiesa ho provato una tristezza infinita.
Pensando a come la "politica" e non tanto la "fede" uccide oggi come nel passato. Loro vivono quella persecuzione che hanno vissuto i primi cristiani. Non è in tutti i Paesi così, ma in alcuni contesti 'violati' continuamente da tensioni è così. E questo è l'Iraq. Mentre ti scrivo estraggono i corpi di circa cinquanta sciiti uccisi a Baghdad in diversi attentati.

Non difendo l'Islam, non ho gli elementi per farlo, e tu non lo hai attaccato (poi in seguito hai fatto marcia indietro. Tuttavia al fatto che hai parlato di "bestie assetate d'odio e indiavolate dentro" e di cristiani come uniche vittime, non riesco a passarci sopra. Posso portare solo la mia esperienza diretta:
"genti diverse venute dall'est dicevan che in fondo era uguale. Credevano a un altro diverso da te e non mi hanno fatto del male". Questo è De Andre' ma la frase sintetizza perfettamente gli incontri che ho avuto con il fratello. Sono sorprendenti. Ti aprono la loro casa, il loro cuore. Ti circondano di mille premure, hanno grande rispetto per i tuoi costumi, al punto da sacrificare anche i propri. Ti danno anche quello che non hanno. Anni fa, un uomo che aveva il salotto in giardino (aveva un divano sotto l'albero per intenderci), voleva dormire all'aperto per ospitarci. Potrei raccontartene a non finire. A volte esagerano Wink .
E' bellissimo quando i valori dell'ospitalità e della sacralità dell'altro presenti in tutte le religioni si concretizzano.
E se mai smetteranno di dare loro piazza Duomo per pregare, io daro' loro la mia casa, senza esitare (anche se avrebbero problemi di spazio).

Vedro' Uomini di Dio su consiglio tuo e di altri, perchè me ne han parlato benissimo.
Concordo sul ritagliarsi uno spazio di preghiera, anche se ognuna di noi poi lo fa secondo le proprie esperienze, collocazioni geografiche e il proprio carisma e non tramite un forum.

Grazie per il tuo contributo e scusa se sono stata logorroica al solito mio.
buona serata!

Eirene
avatar
Eirene

Messaggi : 253
Data d'iscrizione : 20.02.10
Località : da definire

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  linda il Mer Nov 03, 2010 3:30 pm

Scusate se scrivo ciò che sto per scrivere in questo spazio e ne rubo a Vendola che non mi dispiace per nulla ma non lo inneggio a nuovo capo della sinistra cattolica moderata...
Io scrivo e leggo di temps en temps e ignoro lo svolgersi delle discussioni in chat, di mio non le frequento per scelta, non ho nemmeno internet per lo stesso motivo (già è troppa la mia dipendenza dal cel), quindi magari è stato fatto lì, però cavolo nemmeno una parola sui quarantasei cristiani uccisi pochi giorni fa a Baghdad?
Li avete visti i tg? Quanto siano di parte ( emi riferisco ad una particolare frangia di stampa anticlericale) nel dare certe informazioni?
Ho pregato per queste bestie assetate d'odio e mi si consenta il termine, indiavolate dentro, la religione non è mai il mezzo migliore per fare del male come quando viene usata per scopi di cecità e ignoranza personale.
Una chiesa cattolica bombardata, sventrata, due sacerdoti massacrati e terrore e paura.
Mi viene una rabbia che mi fa stare male perchè ancora oggi i cristiani sono i più perseguitati nel mondo e Gesù lo dice spesso nel vangeo e questo nell'indifferenza soprattutto da parte nostra di chi in Chiesa ci va senza timore di tornare a casa o no, o di chi attacca il Vaticano per tutto.
Il primo pensiero è sempre questo: i fondamantalisti ci ammazzano e noi a dare Piazza Duomo per il ramadan?
Avete mai sentito un imam chiedere pèrdono per i crimini commessi dal fondamentalismo? Forse a me è sfuggito o forse non è stato fatto con dovuta forza emotiva.
Quanti martiri catttolici nell'ideologia marxista ? Quanti? E se ne sa così poco, ti convertivano all'ateismo a forza, con la violenza e molti hanno pagato la vita, e pagano ancora, pensate alla situazione della Cina...
Certo anche la Chiesa Cattolica ha i suoi sbagli penso agli Indiani d'America, alle crociate, però ha fatto tanto, fa tantissimo...quanti missionari (lo scorso mese è stato il mese delle missioni) nei posti più a rischio del mondo? Quanti? Io mi sento così piccola e lo sono, sempre a ruotare intorno ai problemi d'affetto o di crisi in mezzo ad un mondo così ferito, così ingiustamente spezzato.
Perchè Augias non dedica una puntata anche a questo? Oltre che invitare Giulio Giorello a prlare del suo libro su quanto è bello vivere senza Dio? non so se qualcuno di voi ha visto la puntata di due o tre settimane fa...E lo scrivo perchè reputo Augias un uomo molto intelligente e di cultura ma spiritualmente miope.
Forse queste cose a voi non scuotono molto come a me...Non lo so mi sembra tutto così impari...tutti sulla battuta di un cretino delirante in agonia
Un paio di giorni fa ho visto poi un film che mi ha aiutata e ha portato senso di pace alla mia rabbia ed è "Uomini di Dio", sulla strage del 96 in Algeria di sette monaci benedettini, vi invito fortemente a vederlo, è un film che insegna molto sulla forza, il perdono, la fratellanza fra noi e i nostri fratelli musulmani.
A volte a me questo forum pare scadere in un adolescianzialismo un pò cretino, non vedo molta lontananza fra i pensieri delle mie studentesse sul diario e quelli che vedo scritti in diversi post, so che suona pesante e come giudizio, ma se è un sito di fede e vita (perchè poi quello è il vivere la propria dimensione spirituale) per me sarebbero utili e facenti bene al cuore anche altre cose. Scuola della Paroale è ferma a mesi fa, ora capisco e vedo che ci sono persone con credi e pensieri diversi, però per me è vitale, così non mi dà e non mi basta granchè. Senza ovviamnte escludere l'aspetto del gioco e della leggerezza, per carità non voglio sembrare bacchettona perchè non lo sono. Ho diversi studenti arabi nelle classi e ne ho avuti durante gli anni di insegnamento e vi posso assicurare che la posizioone delle ragazze è molto più difficile (anche per l'istruzione, spesso i genitori se ne fregano) rispetto ai maschi.
Siamo donne e uomini di sale! lo scrivo a me in primis che sono parecchio insipida e poco coraggiosa per me stessa, però Cristo ha scritto "voi siete il sale dellla Terra se il sale perde sapore che ne sarà?"
Mi piacerebbe uno spazio per la preghiera, con un 'amica alle volte diciamo il Rosario (o novena della Divina MIsericorda) verso la stessa ora, è bello. è un modo per creare una catena di spritualità e amore.
Questo è il mese dei defunti che sono in noi ancora attraverso l'amore che ci ha unito in vita ma anche o soprattutto (per noi che crediamo in Cristo che ha vinto la morte) nel preghiera per il loro spirito.
Pregate per me
Un abbraccio
L
ps mi scuso per la confusione ma sto scrivendo da una biblio e ho tempo a scadenza. Spero qualcosa si evinca ugualmente

linda

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 10.06.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  Eirene il Mer Nov 03, 2010 12:55 am

l'ho visto anche io e avrei voluto postarlo. Ha avuto il giusto polso e la giusta misura nel rispondere, che si condivida o meno la sua linea politica.
avatar
Eirene

Messaggi : 253
Data d'iscrizione : 20.02.10
Località : da definire

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  *Devadasi* il Mar Nov 02, 2010 11:58 pm

freedom ha scritto:La politica è sempre un argomento spinoso, soprattutto di questi tempi. Spero di non mancare di rispetto alle ideologie di nessuna, di chi condivide o meno le idee di Vendola, di chi vota centrodestra e così via. Ma trovo questo video estremamente opportuno dopo quanto è stato detto oggi dall'uomo che dovrebbe governarci.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Adoro Nichi Vendola. Lo adoro politicamente e come persona. Aperto, ecologista, a favore delle minoranze e dei deboli....lo vorrei come presidente del consiglio!
avatar
*Devadasi*

Messaggi : 39
Data d'iscrizione : 29.10.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  freedom il Mar Nov 02, 2010 11:40 pm

La politica è sempre un argomento spinoso, soprattutto di questi tempi. Spero di non mancare di rispetto alle ideologie di nessuna, di chi condivide o meno le idee di Vendola, di chi vota centrodestra e così via. Ma trovo questo video estremamente opportuno dopo quanto è stato detto oggi dall'uomo che dovrebbe governarci.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Nichi Vendola, lettera a Berlusconi

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum