IL VILLAGGIO DI CARTONE

Andare in basso

IL VILLAGGIO DI CARTONE Empty Re: IL VILLAGGIO DI CARTONE

Messaggio  vivi il Mar Mag 29, 2012 3:28 pm

E' molto bello.... pieno di simboli difficili da comprendere tutti.
vivi
vivi

Messaggi : 380
Data d'iscrizione : 21.01.10
Età : 54
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

IL VILLAGGIO DI CARTONE Empty Re: IL VILLAGGIO DI CARTONE

Messaggio  cinzia il Mar Mag 29, 2012 11:58 am

Grazie Arietta

ho proprio un dvd di questo film a casa, lasciatomi da Vivi.

Lo vedo!!
cinzia
cinzia

Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 10.01.10
Età : 49
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

IL VILLAGGIO DI CARTONE Empty Re: IL VILLAGGIO DI CARTONE

Messaggio  WhiteShadow il Lun Mag 28, 2012 11:17 pm

L'utimo di Olmi mi interessava vederlo. E' passato nelle sale lo scorso autunno ma me lo son perso. Spero di riuscire a recuperarlo!
WhiteShadow
WhiteShadow

Messaggi : 282
Data d'iscrizione : 15.01.10
Località : Firenze

Torna in alto Andare in basso

IL VILLAGGIO DI CARTONE Empty IL VILLAGGIO DI CARTONE

Messaggio  aria il Lun Mag 28, 2012 6:45 pm

Ciao amiche,
vi segnalo questo film, che non è "a tema" in senso stretto, ma riguarda l'accoglienza dell'altro, in un'ottica che può essere ampiamente cristiana oppure anche "semplicemente" (come se fosse facile.............. Wink ) UMANA...

Vi allego due righe che ho trovato a riguardo:

«O cambiamo il senso impresso alla storia o sarà la storia a cambiare noi».
Dall’alto dei suoi 80 anni e del ruolo di venerato maestro che gli sta strettissimo («Sono stato un allievo tutta la vita»), Ermanno Olmi ha preferito declinare l’invito di venire al Lido in gara e presenta fuori concorso il suo Il villaggio di cartone (nei cinema dal 7 settembre), un film che non aveva in programma di girare e gli è nato dentro, durante lunghi di forzata inattività seguiti a una caduta. Un apologo morale pacato ma durissimo sul tema dell’accoglienza. Come in Terraferma di Crialese e Cose dell’altro mondo di Paterno, il tema è il rapporto tra noi e i tanti che ci vengono a chiedere aiuto.
LA TRAMA - «Se non apriamo le nostre case, compresa la casa più intima, che è il nostro animo, siamo solo uomini di cartone». La casa che si apre del film (interpretto da Michael Lonsdale, Rutger Hauer, Alessandro Haber, Massimo De Francovich, Elhadji Ibrahima Faye) è una chiesa, ormai dimessa, smontata pezzo dopo pezzo sotto gli occhi dell’anziano parroco, che assiste impotente alla sparizione del Grande crocifisso. Diventerà un centro di accoglienza per un gruppo di disperati, «i veri ornamenti del tempio di Dio». Chissà se tutti in Vaticano apprezzeranno? Il messaggio di Olmi non lascia spazio a dubbi: via i simulacri, dentro gli uomini. «Tutti noi abbiamo bisogno di liberarci dagli orpelli anche nobili, compresa certa cultura che diventa solo un orpello se non ci aiuta a favorire il contatto. Troppo facile inginocchiarci di fronte a un crocifisso: Cristo ha pagato per noi 2000 anni fa, oggi quelli di fronte a cui bisogna inginocchiarsi sono quelli che soffrono, gli immigrati, i senza casa, i ragazzi persi nella droga, gli emarginati». Pietà l’è morta, racconta Olmi. Neanche la carità sta troppo bene. «Ma cosa più esserci di più importante dell’accoglienza? Vorrei ricordare ai cattolici, e io sono tra questi, di ricordarsi più spesso di essere anche cristiani. Il vero tempio è la comunità umana».
Applausi alla proiezione stampa, così come per Crialese e Patierno. I paralleli valgono, s’intende, solo per il tema trattato: ma evidentemente il conflitto tra ciò che impone la legge (qui rappresentato dal personaggio di Haber, il graduato che dice: «Non sono io che faccio le leggi, le faccio solo rispettare») e il sentimento popolare è molto sentito. Per esempio, in barba agli inviti di boicottaggio di Cose dell’altro mondo, lanciati da alcuni leghisti, il film con l’Abatantuono imprenditore che invoca la sparizione degli immigrati dagli schermi della sua tv, è risultato l’incasso italiano più alto del weekend.
Serafico e disponibile come sempre, Olmi scherza su sé stesso («Tengo la cuffia anche se non ho bisogno di traduzione simultanea, ma sono un po’ sordo»), e con l’attore Rutger Hauer che ritrova quindici anni dopo La leggenda del santo bevitore («Sul piano umano non ci siamo mai lasciati, lui voleva venirmi a trovare quando ero bloccato a letto, voleva venire per vedermi mezz'ora anche se era a 800 km di distanza». È un attore straordinario, ma non ha il senso dei chilometri, d’altronde si sa, arriva da altri mondi»). Per Il villaggio di cartone ha avuto il supporto delle considerazioni di Claudio Magris che l’ha accompagnato al Lido («Quello di Ermanno è un elogio del dubbio»). E non manca un riferimento ad Indro Montanelli, citato nelle note di regia di Olmi: «L’unica grande rivoluzione avvenuta nel nostro mondo occidentale è quella di Cristo il quale dette all’uomo la consapevolezza del Bene e del Male, e quindi il senso del peccato e del rimorso. In confronto a questa tutte le altre rivoluzioni – compresa quella francese e quella russa – fanno ridere».



Abbraccio, Aria Rolling Eyes
aria
aria

Messaggi : 496
Data d'iscrizione : 03.10.10
Età : 41
Località : reggio emilia

Torna in alto Andare in basso

IL VILLAGGIO DI CARTONE Empty Re: IL VILLAGGIO DI CARTONE

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum