perchè restare nella chiesa?

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Elisabetta il Dom Lug 11, 2010 8:42 pm

Anche per me non è facile restare nella Chiesa cattolica,ma forse come diceva l'Abbè Pierre ognuno ha un suo percorso e non è incoerenza o scelta di comodo trovare nelle varie Chiese quello che ci sembra più vicino al Vangelo.Le Chiese sono fatte dagli uomini e gli uomini sono fallaci:lo stesso Pietro al quale Gesù affida il compito di fondare la sua Chiesa era l'uomo più impulsivo,fragile,pieno di difetti eppure ,insieme agli altri apostoli ,ci ha permesso di conoscere il messaggio di Cristo.l'importante per me è il rapporto personale con Dio,la preghiera costante,l'aiutare il nostro prossimo,il confronto con il Vangelo..queste sono per me le cose importanti.Vi lascio con le parole dell'Abbè Pierre che ho trovato nella prefazione del libro molto bello "La realtà sa di pane"di Luigi Verdi edizioni Romena: "Possiamo venire arricchiti da diversi incontri ed esperienze,ma poi ognuno deve fare la sua strada.Ogni risposta è personale:non ci sono modi uguali per amare Dio:Lui ci ha creati diversi,percio' sii cristiano come puoi e come ti senti."Elisabetta cat cat cat cheers
Elisabetta
Elisabetta

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 56
Località : bardonecchia

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty “Dove sono due o tre riuniti nel mio nome io sono in mezzo a loro”. (Mt 18,20)

Messaggio  sorriso il Gio Lug 08, 2010 12:00 am

Ci provo...
Mi sono trovata spesso in un certo imbarazzo leggendo alcuni post di questo forum, dubbi, domande, moderati, attivisti, stare dentro, stare fuori, fare la comunione, sentirsi accettati, rifiutati, fare l'amore, confessarsi, giudizi, chiesa sì, chiesa no... ma non mi sono mai lanciata nei dibattiti, temendo di non avere una posizione certa, sicura... ebbene, forse non è cosi, forse una posizione ce l'ho eccome, l'ho sempre avuta, o meglio ancora, l'ho sempre vissuta.
Vivo in pienezza la mia identità sessuale? Sì, al 100 %, senza sensi di colpa, né complessi di sorta, solo aspetto i tempi e i modi opportuni per il mio coming out. Faccio la comunione? Sì, la faccio, perchè so che in quel gesto/atto non ho ferito la carità e di conseguenza non lo confesso come peccato, perchè sono persuasa che i miei peccati si consumino su altre strade.
Me la sento di rinunciare all'Eucarestia cattolica, alla sua liturgia e ad alcuni dogmi di fede? No, perchè è lì, in quelle parole e in quei gesti, storicamente determinati, che ho conosciuto il Signore Gesù, lì è maturata e cresce la mia fede, intesa come affidamento, ma anche e soprattutto come ricerca, come cammino. Non pagherei il prezzo di questa rinuncia anche in cambio della mia accettazione come omosessuale.
Ma la Chiesa cattolica ha le sue “magagne”, alcune assorbibili in una sana accettazione familiare, altre no. ALTRE NO. (E sottoscrivo il sincero “J'accuse” di Rosa Elena). Come ho già scritto altrove, credo che il peccato della Chiesa cattolica sia nel suo sguardo sul mondo e sull'uomo, cosa che non può che rendere inefficace, se non mortifero, il suo annuncio dell' Evangelo; la Chiesa cattolica continua a negare la complessità dell'uomo, quel suo essere, a dispetto della linearità e della coerenza con cui lo dipinge in tanta letteratura cristiana, immensamente complesso e pluridimensionale.

E allora mi domando: aldilà della mia posizione ufficiale, quella che tutto sommato mi da' uno stipendio ogni mese, io con questa identità, con queste posizioni, di che Chiesa faccio parte?
Di quella Cattolica? Eppure per lei sono..."disordinata mentale, incapace di amare, a rischio pedofilia, in stato di peccato...etc". Questa è una Chiesa che davvero mi giudica, giudica il mio modo di amare e di certo non condivide la mia ferma convinzione che questa sia la mia vocazione.
Potrei far parte di un'altra confessione cristiana? No, per i motivi sopracitati, liturgici e teologici più che altro; quanto alla morale e all'etica, è innegabile che altre confessioni siano più avanti, o forse più “indietro”, più vicine all'Evangelo di Gesù di Nazaret.
Dunque? Sono un battitore libero? È possibile, lecito, dirsi cristiani in questi termini di confine?
Mi viene in mente Mt 18,20: “Dove sono due o tre riuniti nel mio nome io sono in mezzo a loro”.
Sono certa (ma la parola definitiva mi verrà detta solo in Quel Giorno) che questa condizione ecclessiale si realizzi ogni volta che amo una donna e rispetto la sua libertà, ogni volta che porto nell'Eucarestia il mio corpo e tutta la mia persona, ogni volta che con fiducia ricerco la volontà di Dio nella mia vita e che mi sforzo di leggere la storia degli uomini e delle donne del nostro tempo alla luce dell'Evangelo, che è Gesù stesso, il quale ci ha insegnato a perdonare settanta volte sette, ma che indignato e furioso ha rovesciato i tavoli e le sedie dei cambia valute fuori dal tempio, e poi ha pianto su Gerusalemme.

Non so dire se la mia posizione sia legittima, se sia comoda, se sia un facile compromesso, ma con buona pace della morale cattolica, con timore e tremore mi aggrappo alle parole di San Giovanni della Croce:
“Nella sera della vita saremo giudicati sull'amore” .

Ciao donne, Sorriso
sorriso
sorriso

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 22.02.10
Età : 38

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Rosa Elena il Mer Lug 07, 2010 6:46 pm

Ciao Anita,

sono una buontempona, credi, ma in fondo la tua affermazione ha qualcosa di vero: mi faccio gli affari della famiglia cattolica, come definisci la chiesa che hai scelto. Per il semplice motivo che questa chiesa si fa pesantemente gli affari miei. Con chi vado a letto, chi ho diritto di assistere in un ospedale o se ho la possibilità o meno di lasciare un giorno la mia casa alla mia compagna. Eh sì, la chiesa cattolica si fa senza pudore gli affari miei, non credo di dire nulla di offensivo affermando che se in Italia non abbiamo ancora una legislazione a favore degli LGBTQ questo si deve anche all'ingerenza indebita della chiesa cattolica nel governo del paese e ad una classe politica inetta che le va dietro.

Ogni giorno sento un vescovo o un cardinale che mi paragona ai pedofili, che mi da della disordinata mentale, che mi accusa di non sapere amare. Magari se fossi una lesbica russa mi farei gli affari della chiesa ortodossa. Ed è vero: ogni chiesa ha i suoi difetti, chissà perchè tanti LGBTQ però non si fanno gli affari della chiesa valdese, o battista, o luterana e via discorrendo.

No, non consiglio affatto come unica forma di lotta l'abbandono dalla chiesa cattolica, come ho scritto spesso nei post ho molti amici cattolici. Li stimo perchè vivono alla luce del sole il loro orientamento, perchè non hanno paura, perchè si impegnano lottando per la nostra causa e perchè non hanno remore nell'ammettere che buona parte della loro chiesa è omofoba, egoista e intollerante, ma nonostante questo decidono di restare. Ed è per queste persone che posso ancora stimare la chiesa cattolica, sono loro che m'insegnano a capire e vedere il suo immenso patrimonio spirituale e umano. E' l'autenticità ciò che io consiglio. E siccome spesso ci sono realtà che non ti permettono di viverla, non tutti siamo fortunati, ma una perchè deve restare a soffrire e tradire il vangelo? E' una chiesa ciò che conta o la parola di Dio?

Un abbraccio

Rosa

Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  anita il Mer Lug 07, 2010 3:17 pm

Ciao Rosa Elena,
leggo il tuo post e mi viene da risponderti d'istinto, perciò perdonami se mi trovi un po' pungente.
Io sono cattolica e pienamente consapevole dei limiti della mia chiesa, in linea generale mi trovi d'accordo sulle critica che tu le muovi e tuttavia... quasi tutti i tuoi post hanno come tema, diretto o indiretto, l'analisi delle patologie della chiesa cattolica, la diagnosi e le presumibili cure, tra cui quella che mi sembra tu suggerisca più spesso (sebbene non sempre in modo esplicito) è l'abbandono.
E' pur vero che la mia "famiglia" chiesa ha delle belle magagne, ma è altrettanto vero che a nessuno fa piacere che un altro da fuori venga continuamente a parlar male della tua famiglia.
Io sono sempre a favore del restare per cambiare, ma sono contenta se altri hanno trovato altrove un posto più comodo che li fa stare meglio, vuol dire che contribuiranno a migliorare la nuova "famiglia" che hanno scelto... poiché son sicura che nessun luogo umano è perfetto e ovunque ci sia da "lavorare".
anita
anita

Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 20.01.10
Età : 47
Località : bergamo

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Una bella cura dimagrante

Messaggio  Rosa Elena il Mer Lug 07, 2010 8:20 am

Penso che alla chiesa cattolica farebbe un gran bene una bella cura dimagrante.

Diventerebbe snella e imparerebbe a correre più velocemente verso l'amore in tutte le forme in cui può essere espresso.

La aiuterebbe nella circolazione del sangue tra le vene. Nuove idee, nuove teologie, nuova creatività.

Imparerebbe a ridimensionarsi, nel senso che non si crederebbe l'unica bella chiesa esistente nel creato.

Potrebbe guardarsi di più allo specchio e fare autocoscienza. Nonchè un pò di sana autocritica.

Comincerebbe ad esercitare la sana scelta tra un piatto che le fa bene, tipo stare sempre dalla parte dei più piccoli e dei miseri, e un piatto che le provoca solo altra ingordigia: potentati, lobbies, intolleranza e odio.

Iniziando a vedere i banchi vuoti nelle proprie chiese, magari la si aiuta. Più che farle del male.



Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty nella chiesa?

Messaggio  ROBY80 il Mer Lug 07, 2010 1:16 am

Io sto passando un momento di transizione...dalla chiesa cattolica sto passando a quella veterocattolica...non è semplice sono diventata cattolica da tre anni lo scorso anno ho ricevuto i sacramenti (battesimo comunione cresima)ma non sono più sicura che questa chisa sia mia madre...sono entrata nella chiesa cattolica dopo aver frequentato prima altre religioni e confessioni fra cui un pochino la chiesa valdese e sono entrata nella chiesa cattolica con un sacco di remore sulla gerarchia, il maschilismo,l'omofobia,l'opulenza della chiesa, cose contestate da tanti, però l'esempio di san francesco mi aveva aiutato in quel momento : stare nella chiesa e cambiarla dal dentro amandola in quanto corpo di cristo....sono arrivata ad un momento che non ce a faccio più...avendo ricevuto i sacramenti da adulta in me c'è sempre stato un desiderio di radicalità , fare le cose per finta non mi interessa e mi sto scontrando con la corerenza....non mi sento coerente ci sono momenti in cui brucerei il vaticano con dentro vescovi, sacerdoti e co, non ,credo e non ho mai creduto in una chiesa con una struttura gerarchica come quella della chiesa , sono stufa dell'omofobia, del dover nascondere e nascondermi , sono stufa del maschilismo DILAGANTE della chiesa e sono stufa di veder faccioni SOLO di Uomini a capo della chiesa, io non mi sento obbediente per niente a nessuno tranne alla mia coscenza e a Dio, non ho mai creduto nell'intermediazione del sacerdote fra me e Dio, non ho mai creduto nell'infallibilità del papa, però credo nell'eucarestia come vivo sacrificio di Cristo, so che dentro quel pezzettino di pane c'è Lui, ma per il resto sento di aver poco a che spartire con la chiesa , insomma cosa continuo a stare qui? Domenica ho partecipato alla mia prima messa veterocattolica BELLISSIMA. Very Happy ...ho trovato un posto dove posso essere pienamente me stessa e dove posso sentirmi anche a casa rispetto a tutto il resto.... Very Happy
ROBY80
ROBY80

Messaggi : 197
Data d'iscrizione : 23.05.10
Età : 39
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Rosa Elena il Mar Mag 25, 2010 11:01 pm

Cara Vivi,

nella comunità valdese esiste un documento del 2007 in cui si confessa il peccato dell'omofobia e si invitano i credenti a sostenere il riconoscimento delle unioni civili tra persone omosessuali. E' espressione dell'assemblea sinodale, il nostro massimo organo rappresentativo. Le comunità ghanesi dovranno prima o poi uniformarsi alla tolleranza e all'accoglienza, con i tempi e la maturità necessarie. Il cammino è tracciato, la metà è stata espressa con chiarezza. Mi sembra un pò diversa la situazione della chiesa cattolica, direi che è una situazione ribaltata. Perché non dovrei sentirmi libera nella comunità bresciana? Abbiamo dei rappresentanti del Varco pure là...
Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  vivi il Mar Mag 25, 2010 10:38 pm

Ci sono molte contraddizioni nella Mia chiesa... e c'è uno scarto tra le gerarchia e la comunità....e qui potrei citare diversi nomi di teologi, sacerdoti, filosofi e semplici batezzati.
Io non conosco bene la comunità valdese, non conosco come si gestisce....ma ricordo cosa ha detto la pastora Anna Z.... (non so come si scrive il suo cognome) a riguardo di diverse posizioni nella chiesa valdese. Si riferiva alla sua comunità di Brescia e alla sua difficoltà nel dare la sua benedizione alle coppie omosessuali, a differenza di quella di Milano, poichè al suo interno erano presenti numerosi africani, che per cultura non accettano con "disivoltura" la presenza di coppie omosessuali. Sicuramente la pastora, che mi pare di cultura nordica, ha una posizione diversa rispetto la sua comunità ma capisce che certi gesti non sono comprensibili in quella comunità e deve cercare strade diverse, forme di educazione e camminare con loro. Dimmi se sbaglio o se ricordo male. Ti pongo una domanda ti sentiresti libera anche a Brescia? Vedi io penso che la mia chiesa sia come un grosso elefante in procinto di saltare un fosso...la proboscide sta già oltre il fosso, il corpo si trova sopra il fosso e la coda sta ancora prima del fosso. Decido come Anna Z di camminare con questa comunità e senza per questo rinunciare alle mie convinzioni. Rimane il mio dolore e certe volte la rabbia e rimane la stima per chi sceglie di fare un cammino che ritiene più coerente alle sue posizioni e diverso dal mio....sapendo che anche in questo c'è un dolore.....come esprimevi bene sopra. ciao vivi
vivi
vivi

Messaggi : 380
Data d'iscrizione : 21.01.10
Età : 53
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Rosa Elena il Lun Mag 24, 2010 9:45 pm

Si...peccato per il fatto che mentre la chiesa cattolica si esercita ad avere sensibilità diverse sugli argomenti più diversi la gente abbia da soffrirci tanto....
Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  WhiteShadow il Lun Mag 24, 2010 9:02 pm

Rosa Elena ha scritto:
Tuttavia, mi permetto di aggiungere, non so se si possa definire una postilla morale la posizione della chiesa cattolica sulle donne, sull'aborto, sul divorzio, sull'eutanasia, sugli omosessuali, sulle terapie riparative, sull'ecumenismo, sulla teologia della liberazione, sul berlusconismo e tante tante tante altre cose. Per me, per lo meno, non sono delle questioni di minor conto.

Un abbraccio

Per postilla morale mi riferivo alla posizione ufficiale della Chiesa Cattolica sull'omosessualità che è l'unica cosa che proprio non condivido perchè sembra creare una spaccatura nella persona tra la sua sfera affettiva e sessuale e il resto. Mentre la Chiesa insegna che la persona va considerata e vista nella sua integralità....
Per aborto e eutanasia condivido il principio un po' meno (e sono ironica) la sua declinazione nella pratica....

Per me questa postilla così come gli errori e le debolezze di certi preti sono un cose di minor conto perchè umane mentre i Sacramenti, la Misericordia di Dio sono eterni.
Non è scandaloso che nella Chiesa ci siano posizioni e sensibilità diverse su questioni del genere anzi questo è normale se siamo cristiani autentici...

Per quanto riguarda le terapie riparative e il berlusconismo non sono Magistero della Chiesa ne parola di Dio quindi non sono tenuta a crederci...

Counque rispetto la tua scelta e sono felice che tu abbia trovato un posto, una Chiesa in cui sentirti a casa.
Saluti
Ws
WhiteShadow
WhiteShadow

Messaggi : 282
Data d'iscrizione : 15.01.10
Località : Firenze

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Rosa Elena il Lun Mag 24, 2010 8:37 pm

Mah...sai, cara Whiteshadow, in realtà io non critico chi resta nella chiesa cattolica. Si parlava di scelte di comodo. Ho solo voluto spiegare che a me è costata la traversata nel deserto l'abbandono della chiesa cattolica. E' come andarsene da una terra, da una casa o da una famiglia. Costa quanto la fine di un amore, per tornare alla metafora della relazione. Continui ad amare ma sai che non sei corrisposta. C'è il lutto, la solitudine, la rabbia, il rancore. Poi però finisce e capisci che altre donne possono amarti sinceramente per quello che sei. Magari meno vistose, meno belle all'apparenza, più modeste, più silenziose.

Tuttavia, mi permetto di aggiungere, non so se si possa definire una postilla morale la posizione della chiesa cattolica sulle donne, sull'aborto, sul divorzio, sull'eutanasia, sugli omosessuali, sulle terapie riparative, sull'ecumenismo, sulla teologia della liberazione, sul berlusconismo e tante tante tante altre cose. Per me, per lo meno, non sono delle questioni di minor conto.

Un abbraccio
Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  WhiteShadow il Lun Mag 24, 2010 7:44 pm

Ciao Rosa Elena
Tu hai fatto una scelta legittima e magari meditata bene. in base a quella che è la tua esperienza di donna omosessuale e di credente.

Io per ora scelgo di rimanere nella Chiesa Cattolica perchè nonostante il catechismo ritengo di poter fare una vita di fede soddisfacente qui in questa Chiesa. Per un cardinale vecchio e vetusto che dice sul giornale o all'ambone cose poco carine posso incontrare due o tre preti o religiose / i che invece mi aprono un mondo.

Naturalmente anche io dico questo in base alla mia esperienza di adesso. Mi rendo conto delle contraddizioni che anche io vivo. Se un giorno scoprissi che Santa Romana Chiesa non mi da più niente forse valuterei l'ipotesi di andarmene ma mi costerebbe molto fare i bagagli per una postilla morale che secondo me (e tanti cattolici) non ha senso.
WhiteShadow
WhiteShadow

Messaggi : 282
Data d'iscrizione : 15.01.10
Località : Firenze

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Rosa Elena il Lun Mag 24, 2010 5:53 pm

Cara Betty,

l'esempio della relazione tra due donne che ho usato era una metafora, la mia esperienza personale non c'entra nulla. L'esempio era per dire che tante volte si parla di amore, ma bisogna mettersi d'accordo sulla parola amore. Ci sono chiese che proclamano l'amore verso tutti e tutte, quando in realtà discriminano, insultano, denigrano e invitano al nascondimento. E ci sono chiese che invece non fanno proclami di alcun tipo ma ti accolgono, ti stimano e valorizzano per ciò che sei. Proprio come accade spesso nella relazione tra le persone.

Certo, le gerarchie sono una cosa, la base è un'altra si potrebbe dire. Ma vedi, la mia esperienza di chiesa è che anche le "gerarchie" (in realtà non ci sono gerarchie e lo metto tra virgolette, i pastori diciamo o i diaconi o i moderatori) da noi non si permetterebbero mai di dire che siamo dei pervertiti, disordinati morali, pedofili profittatori, destinati a portare la croce per tutta la vita. Aggiungo che se a qualcuno dovesse saltare il desiderio di negarmi la Santa Cena perchè lesbica, questo qualcuno, penso, sarebbe ricoverato d'urgenza al primo manicomio.

In questo io trovo pace. Non vedo incoerenza tra il dire e il fare. E per me questo è l'amore. Il resto sono solo belle parole.

Un abbraccio
Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Betty il Lun Mag 24, 2010 3:08 pm

ciao Rosa Elena,
scusa se sdrammatizzo con una battuta...ma.....sei sicura che fosse omosessuale? Wink perchè con tutte quelle limitazioni forse non aveva ben chiaro troppe cose....e tu sei stata sfortunata ad incontrarla... Very Happy
Io sono convinta che quando due persone si amano veramente e si donano l'una all'altra riescono sempre a trovare una soluzione per superare le difficoltà che a volte (direi spesso) e inevitabilmente oscurano la vita di coppia, parlo di qualsiasi difficoltà.
E' la forza dell'amore reciproco che permette a due persone di vivere in pienezza il loro sentimento, anche quando questo sentimento non può essere vissuto alla "luce del sole".
La condizione fondamentale è solo una....amare..."tutto il resto" diventa secondario. flower
Betty
Betty

Messaggi : 446
Data d'iscrizione : 23.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Scelte di comodo?

Messaggio  Rosa Elena il Lun Mag 24, 2010 12:06 am

Sì, in parte dipende da ciò che una riceve. Una storia assolutamente personale. Nel mio caso io ho ricevuto poco dalla chiesa cattolica e di quel poco non mi accontento. In fondo è come avere una relazione. La tua donna ti comincia a dire che non può presentarti ai suoi genitori. E tu dici " Beh, pazienza". I tempi sono quelli che sono. Poi arriva il momento in cui ti dice che non puoi conoscere i suoi amici. Neppure loro sanno che è una lesbica. Quindi si passa al seguito. Non può starti vicina quando sei rattristata o hai problemi, perchè non può sparire da casa così senza una spiegazione. Al telefono, non puoi neppure sentirla: deve abbassare la voce perchè altrimenti i vicini sentono. Il sabato devi sparire perché arriva il suo finto fidanzato, la domenica c'è suo figlio. Ma ti ama, giura e spergiura che ti ama e che mai ti lascerebbe. Poi un giorno tu ti svegli e ti chiedi se sei cretina. Ti chiedi cos'è il benedetto amore. E' una parola? O sono i fatti? Per me sono i fatti. Non mi basta una che mi guarda negli occhi e che poi non condivide nulla della mia vita. Non si tratta di scelte di comodo quando la lasci e le dici che è stato bello averla nella tua vita, ma che purtroppo le vostre strade si separano da una galassia all'altra. Significa volerti bene, avere rispetto per te stessa e per ciò che sei.

Vivo in una chiesa in cui ci sono pastori gay e lesbiche dichiarate. Dove la comunità ha confessato il peccato dell'omofobia e si sta mobilitando per la benedizione delle unioni tra persone dello stesso sesso. Non devo nascondermi, non devo sparire, non devo mentire. Molti miei amici sono stati eletti deputati sinodali e distrettuali, dirigono riviste, università, case diaconali. Presentano i loro compagni e le loro compagne senza alcun problema. Ciò mi fa vivere serena, contribuisce al mio equilibrio emotivo, mi rafforza nella mia identità.

Perché credo che il messaggio di Dio è essere felici. Felici, rispettando gli altri e le altre, ma felici. Perché abbiamo una sola vita e questa vita va vissuta nel pieno delle nostre capacità d'amore. Amando il cibo, il sesso, il creato, l'arte, l'amore e la conoscenza.

E ora basta perché ho sonno.
Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  WhiteShadow il Dom Mag 23, 2010 9:14 pm

Credo che professarsi cattolica, valdese, luterana, battista o quel che è non credo debba dipendere da una scelta di comodo o basata sul risentimento.

Bensì ciò ha a che fare con quello che abbiamo ricevuto all'interno delle chiese di cui facciamo parte.

Io sono sempre stata cattolica e nella mia chiesa ho avuto ed ho la possibilità di fare esperienza di Dio comunque. Dunque posso dire di aver ricevuto molto. Per questo penso che resterò in questa chiesa nonostante tutto, ma cercando comunque di vivere cristianamente.

Mi rendo conto anche che è un programmino niente male. E non mi vengano a dire i cattolici osservanti che scegliere di vivere la propria omosessualità è una scelta di comodo, un soddisfacimento egoistico dei propri bisogni. Al contrario vivere da cristiano questa condizione quindi in una dimensione autenticamente umana, significa percorrere una strada che si presenta MOLTO ma MOLTO ripida.

Auguri e buona vita a tutte
Wink
WhiteShadow
WhiteShadow

Messaggi : 282
Data d'iscrizione : 15.01.10
Località : Firenze

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Restare nella chiesa cattolica...

Messaggio  Rosa Elena il Mar Mar 30, 2010 10:14 pm

Cara Eliana,

Gesù si fece portavoce di nuove istanze basate sull'amore, ma non credo realizzò la sua missione rimanendo all'interno della struttura religiosa del suo tempo. Tutt'altro, la scardinò e radicalmente la mutò. Disobbedì in piena coscienza a gran parte dei 613 precetti imposti dalla religione ebraica del tempo guarendo di sabato, toccando e lasciandosi toccare dagli impuri, parlando con le donne alle quali era proibita ogni forma di insegnamento religioso, dando confidenza a pubblicani e prostitute a causa dei quali, pensavano i farisei del tempo, non giungeva il Messia. Di più. Egli invita espressamente a disubbidire le leggi che opprimono il cuore degli uomini e delle donne. Li invita a lasciare il Tempio di pietra con cui dottori e scribi si ingrassavano, economicamente tramite il commercio e la vendita degli animali sacrificati, (quasi tutti gli allevamenti e le macellerie appartenevano ai sacerdoti del tempo), per costruire il tempio dello Spirito, quello del cuore. Questo lo dice padre Alberto Maggi, di cui sono grande estimatrice e di cui so si parla in un altro spazio.

Altro è dire che ognuno trova il proprio punto di equilibrio nella chiesa e nella modalità che ritiene più opportune. Personalmente, non credo ci sia nessuna possibilità di dialogo e di cambiamento nella chiesa cattolica. Ma questa è l'opinione mia soggettiva, non ritengo necessario né giusto imporla ad altri.

Un abbraccio
Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Eliana il Lun Mar 29, 2010 10:25 pm

oceanoblu ha scritto:onestamente? si.
è una scelta di comodo perchè non puoi decidere che segui solo una parte della dottrina della chiesa. o la segui tutta o non ha senso.
certo, tutti pecchiamo e a questo serve la confessione. ma se parti proprio dal presupposto che una determinata cosa non è peccato, anche se la chiesa dice il contrario, allora stai vivendo un cattolicesimo fai-da-te.
...

Sono convinta di non essere esagerata con questo paragone (non uso questo argomento solo quando "fa comodo"), ma mi pare di ricordare che Cristo stesso pur vivendo all'interno delle comunità del suo tempo si è fatto portavoce di idee totalmente nuove e nettamente in contrasto con la "tradizione".
Certo, direte, lui era il Cristo, figlio di Dio! ed io dirò: non siamo forse chiamati a seguirne le orme, gli insegnamenti, prendendo esempio dalla sua vita?
E allora ecco le risposte a due domande:
- perché rimanere all'interno della chiesa Cattolica? perché è da dentro che si può attuare il più efficace cambiamento;
- è una scelta di comodo restare semplicemente accantonando quello che non condividiamo? no, perché ciascuno di noi usa la sua sapienza per discernere cosa è bene da ciò che non lo è; in sostanza sei tu la sola che può dire se si tratta di una scelta di comodo o no. In più siamo chiamati a gridare con forza (nonostante l'oppressione, la discriminazione, l'allontanamento, ecc...) ciò che non è bene perché le cose cambino!

A questo punto però tutto sta nell'accrescere la propria sapienza...

Eliana

Messaggi : 74
Data d'iscrizione : 27.12.09
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  oceanoblu il Mer Mar 03, 2010 8:10 pm

onestamente? si.
è una scelta di comodo perchè non puoi decidere che segui solo una parte della dottrina della chiesa. o la segui tutta o non ha senso.
certo, tutti pecchiamo e a questo serve la confessione. ma se parti proprio dal presupposto che una determinata cosa non è peccato, anche se la chiesa dice il contrario, allora stai vivendo un cattolicesimo fai-da-te.
discorso personale perchè non mi piace generalizzare: quando amo una donna, se faccio l'amore con lei, io non lo sento come peccato. ma per la chiesa lo è, esattamente come quando avevo un fidanzato e facevo l'amore con lui. la chiesa mi dice che entrambe le volte avrei dovuto confessarmi. quando non l'ho fatto, ho fatto una scelta di comodo.
sento dentro di me radicato profondamente il mio essere cristiana. sono valori e principi che ispirano ogni azione della mia giornata. poi un giorno ho aperto gli occhi e ho visto che tante dottrine della chiesa cattolica non avevano niente a che fare con il vangelo. e ho deciso di non starci più. il cattolicesimo non è l'unica strada per seguire cristo, nè la più giusta. è uno dei modi.
faccio una scelta diversa rispetto a tante di voi che siete qui e pur senza riuscire a comprendere fino in fondo, vi rispetto profondamente. in fondo poi, chi in un modo e chi in un altro, siamo tutte in cammino. Smile

oceanoblu

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 07.01.10
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Giovannadarco il Mer Mar 03, 2010 5:22 pm

oceanoblu ha scritto:Vi ringrazio ancora una volta tutte quante per le risposte... siete carinissime! :-)
Purtroppo il punto è che forse mi sono solo più convinta che ho fatto bene ad uscirne, proprio perchè Dio non condanna niente di quanto fatto con amore (l'amore, il primo e più grande dei comandamenti), non riesco ad accettare la condanna e le imposizioni degli uomini, che si ergono a giudici supremi.
Mi rendo conto che il discorso è complesso e non è semplice farlo in un forum, però secondo me anche il restare nella Chiesa Cattolica decidendo di ignorare una parte dei suoi precetti è una scelta di comodo...
Quale può essere la soluzione, togliersi di dosso il cattolicesimo come fosse un vestito ed indossarne uno diverso? Restare e comportarsi come dice il cuore pur andando contro la dottrina della Chiesa? Io non lo so, so solo che mi sento in cammino... e spero di poterne fare un pezzo insieme a voi!

Vi auguro una bellissima giornata Smile


Ignorare alcuni precetti pur rimanendo nella Chiesa Cattolica? Beh...in realtà lo fanno tanti eterosessuali tutti i giorni. Hanno trovato il prete che li assolve se violano il sesto comandamento oppure non lo confessano più come peccato e,nel contempo, si sentono perfettamente integrati.

Anche questa è una scelta di comodo? Question
Giovannadarco
Giovannadarco

Messaggi : 73
Data d'iscrizione : 02.01.10
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Giovannadarco il Mer Mar 03, 2010 5:19 pm

Rosa Elena ha scritto:Devo ammettere, con mio rammarico, di non poterla pensare come Giovanna sul fatto del dire o non dire ciò che siamo. Senza che questo "dire" significhi " gridare". Cara Giovanna tu hai chiesto se per caso diciamo anche in altri ambiti ciò che siamo. La mia risposta personale è sì. Famiglia, lavoro, vicinato, paese. Ovviamente non ci sono arrivata dall'oggi al domani, ci ho messo quarant'anni della mia vita. E penso che questa scelta sia fondamentale per arrivare alla sincera accettazione e all'amore autentico per se stessi. Il mio motto è " non fare niente per nasconderlo, non fare niente perché lo scoprano". Tutto con i tempi giusti, calibrando bene le forze, scegliendo buoni amici e buone compagne di viaggio.


non ho nulla da eccepire verso il tuo ragionamento e il tuo percorso di fede. Quando regna la coerenza non ci sono altre parole da aggiungere.
In realtà col mio discorso mi riferivo a chi tace sul luogo di lavoro,tace in famiglia e in Chiesa vorrebbe urlare a tutti:"sono omosessuale"!!
A me pare una forzatura il voler pretendere dai fedeli un'accettazione che già Dio dà e non chiedere di essere accolti a colleghi di lavoro e familiari coi quali si sta certamente più a contatto.
Giovannadarco
Giovannadarco

Messaggi : 73
Data d'iscrizione : 02.01.10
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  oceanoblu il Mer Feb 24, 2010 12:35 pm

Vi ringrazio ancora una volta tutte quante per le risposte... siete carinissime! :-)
Purtroppo il punto è che forse mi sono solo più convinta che ho fatto bene ad uscirne, proprio perchè Dio non condanna niente di quanto fatto con amore (l'amore, il primo e più grande dei comandamenti), non riesco ad accettare la condanna e le imposizioni degli uomini, che si ergono a giudici supremi.
Mi rendo conto che il discorso è complesso e non è semplice farlo in un forum, però secondo me anche il restare nella Chiesa Cattolica decidendo di ignorare una parte dei suoi precetti è una scelta di comodo...
Quale può essere la soluzione, togliersi di dosso il cattolicesimo come fosse un vestito ed indossarne uno diverso? Restare e comportarsi come dice il cuore pur andando contro la dottrina della Chiesa? Io non lo so, so solo che mi sento in cammino... e spero di poterne fare un pezzo insieme a voi!

Vi auguro una bellissima giornata Smile

oceanoblu

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 07.01.10
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  freedom il Mer Feb 24, 2010 12:21 am

Conosco molto poco la dottrina valdese (spero che mi illuminerete in merito in futuro..), so soltanto che ha un'apertura molto più ampia della Chiesa cattolica su vari temi etici, questione omosessuale inclusa. Personalmente, con il massimo e assoluto rispetto per chi lo fa, da parte mia mi sento troppo legata all'educazione cattolica che ho ricevuto - parlo dal punto di vista strettamente dottrinale - e in un certo senso se cambiassi religione mi sembrerebbe di operare quel "fai da te" che diceva una volta il Papa (anche se in tutt'altro senso!).
Ossia. scelgo la religione che non mi condanna perché sono lesbica.

Dentro di me la sentirei come una "soluzione di comodo" più che un cambio di rotta consapevole.

Perciò rimango dove sono, con il mio Padre-Madre che mi sopporta così come sono (e in fondo mi ha creata Lui così, quindi ha poco da lamentarsi Razz), e con la vecchia Zia bisbetica con cui raramente vado d'accordo, ma a cui a mio modo cerco di voler bene.
freedom
freedom

Messaggi : 227
Data d'iscrizione : 03.01.10
Località : Genova

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Betty il Mer Feb 24, 2010 12:02 am

mi rendo conto che forse ho meditato troppo prima di rispondere perchè avete già espresso voi in parte anche i miei pensieri...comunque posso osare????

Attualmente se vogliamo far parte della nostra madre o zia chiesa dobbiamo seguire le sue regole e come gia stato detto noi omosessuali possiamo vivere una vita di coppia ma nella castità.
Non volevo essere lapidaria neppure essere lapidata per la risposta, ma credo che nonstante le regole e uso un eufemismo "rigide" della chiesa fatta di uomini alla "fine" sarà ed è Dio il giudice ultimo e supremo. Un Dio che non condanna, un Dio che ci lascia liberi di rimanere o no fedeli al battesimo ricevuto o scelto.
Questo pensiero mi da la forza e la gioia di continuare ad essere cattolica. Non voglio sembrare blasfema e neppure convincermi di essere nel giusto ma credo che se Dio ha permesso tutto ciò è perchè fa parte di un disegno che lui ha su di me, e ognuno di noi, a me spetta il "compito minore" di rimanergli fedele. Una fedeltà certo che ha un prezzo molto alto fatta di continue lotte e continue conquiste.

p.s. chiedo scusa se sono stata contorta, spero di essere riuscita a trasmettervi il mio pensiero!!!!
Betty
Betty

Messaggi : 446
Data d'iscrizione : 23.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty L'oceano in chiesa

Messaggio  Rosa Elena il Mar Feb 23, 2010 8:19 pm

Devo ammettere, con mio rammarico, di non poterla pensare come Giovanna sul fatto del dire o non dire ciò che siamo. Senza che questo "dire" significhi " gridare". Cara Giovanna tu hai chiesto se per caso diciamo anche in altri ambiti ciò che siamo. La mia risposta personale è sì. Famiglia, lavoro, vicinato, paese. Ovviamente non ci sono arrivata dall'oggi al domani, ci ho messo quarant'anni della mia vita. E penso che questa scelta sia fondamentale per arrivare alla sincera accettazione e all'amore autentico per se stessi. Il mio motto è " non fare niente per nasconderlo, non fare niente perché lo scoprano". Tutto con i tempi giusti, calibrando bene le forze, scegliendo buoni amici e buone compagne di viaggio.

Non dire ciò che si è, spesso nella nostra società, vuol dire non essere ciò che si è. Non credo che questo vada d'accordo con l'insegnamento del vangelo. Significherebbe, per rifarmi alla domanda di oceanoblu, contenere l'oceano in una chiesa. E questo non è né possibile né salutare.

C'è senz'altro da considerare che non è facile lasciare la nostra chiesa di origine. E' come lasciare una famiglia, un amore, una terra. Il dolore che provoca questa frattura non è indifferente e chi si mette in viaggio dovrebbe tenerlo presente. E' nuovamente la storia di Abramo. Dio non gli disse che sarebbe stato facile lasciare la sua casa e mettersi in viaggio. Gli promise, però, che gli sarebbe stato vicino. Sempre. E che da Abramo sarebbe nato un grande popolo. Questo è avere fede. Sapere che Dio mantiene le sue promesse di felicità e abbondanza, di prosperità e amore nei nostri confronti. Per quanto nell'immediato, immerse nella privazione e nella miseria degli affetti, ci sembri molto assurdo.

Il punto, quindi, secondo me non è lasciare una chiesa, che è chiesa insieme ad altre, senza maiuscola e senza articolo determinativo. E' amarci totalmente, scegliere la nostra identità, avvicinarci sempre di più al sogno che abbiamo di noi stesse.

Poi uno pianta le tende dove meglio crede. Uno sa qual è la sua terra, lo sente con il cuore. Conosco per esempio tanti amici cattolici e amiche cattoliche che restano nelle loro chiese. Ma alla luce del sole. Certo, molti possono farlo perché non perdono per esempio il loro lavoro. Ma anche in questo caso, un lavoro vale davvero l'occultamento dei propri sogni e del proprio amore?

Credo di no. Quindi tatto. Guardarsi intorno, vedere che aria tira in altri ambienti, riciclarsi, inventarsi un'altra vita. Perché nulla, nulla vale quanto possedere il nostro vero io.
Rosa Elena
Rosa Elena

Messaggi : 149
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

perchè restare nella chiesa? Empty Re: perchè restare nella chiesa?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum